Eraclea e la Siritide

  • Stampa

Basilicata, Policoro/Tursi/Rotondella (MT)

 

Direzione scientifica

Stéphane Verger, Massimo Osanna, Rossella Pace, Gabriel Zuchtriegel

 

Scavo Policoro

Stéphane Verger, Rossella Pace

 

Laboratorio

Francesca Silvestrelli

 

Scavi 2014

Nel 2014 è cominciato un nuovo progetto di scavo a Siris-Eraclea (Policoro, MT), condotto dalla Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Matera e l'École pratique des hautes études di Parigi in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata. Sono stati aperti quattro saggi in vari punti dell'abitato antico, diretti da Silvia Vullo (saggio A), Elena Bengiovine, Daniele Capuzzo (saggio B) e Barbara Serio (saggio C, D).

Uno degli scopi principali è quello di provare ad acquisire nuove informazioni relative al problema dell'insediamento arcaico a Policoro. Mentre alcuni vogliono ubicare la colonia ionica di Siris in corrispondenza dell'area in seguito occupata da Eraclea, altri propongono invece di cercare Siris sul fiume omonimo. L'insediamento arcaico di Policoro sarebbe in questo caso un sito nella periferia della colonia.

Un aspetto importante nella discussione è rappresentato delle aree sacre. Durante la campagna del 2014 si sono riprese le indagini nel c.d. tempio arcaico. Sotto il livello di fondazione della cella del tempio, che si data ipoteticamente all'età classica, è stato trovato un acciottolato con materiale (frr. di coppe a filetti, ossa) databile al pieno VII sec. a.C. Si potrebbe trattare di un predecessore del santuario classico, come attestato anche in altri santuari a Policoro, dove i culti della colonia tarantina di Eraclea (fondata nel 433/2 a.C.) spesso sono in continuità con aree sacre arcaiche.

La zecca

Nell'isolato I del c.d. Quartiere centrale, parzialmente indagato negli anni '60 da Dinu Adamesteanu, di cui non è mai stata chiarita la funzione, il ritrovamento di numerosi indicatori di produzione metallurgica quali tondelli bronzei, cilindretti e scorie ha permesso di riconoscere che nel cortile dell'edificio sorgeva la zecca della città.

Oltre ai tondelli (monete non coniate) sono stati trovati anche monete di bronzo coniate, databili al III-II sec. a.C.

L'isolato I presenta anche altre caratteristiche che fanno pensare a una funzione particolare: l'impianto diverso da quello degli altri isolati (Osanna 2008), la presenza di capitelli e cornici in pietra tenera (Rescigno 2012), il ritrovamento di un deposito con vasi risalenti alla fase iniziale della colonia nonché di un'iscrizione recante il nome dell'ephoros (Ghinatti 1981).

Herakleia: l'agorà

In altre città, le zecche si trovano spesso sull'agorà. Infatti, anche a Eraclea le prospezioni geofisiche hanno mostrato che ad Est dell'isolato I si apre una vasta area non edificata. Si ripropone così la questione della localizzazione dell'agorà di Eraclea, ipotizzata in precedenza nella zona bassa della città.

 

Studio di materiali inediti da Eraclea e la Siritide (Tesi di Specializzazione)

Domenico Asprella, Alessandra Casalicchio, Giuseppina Simona Crupi, Laura D’Esposito, Giusj Galioto, Mariafrancesca Lanza, Maria Domenica Pasquino, Mariasilvia Vullo

 overview

Nell’ultimo quinquennio i sempre più stretti rapporti intercorrenti tra Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata e Università della Basilicata hanno permesso di avviare un serrato programma di ricerche su siti chiave della regione. Tra i territori oggetto di tale rinnovato interesse un caso particolare è quello della Siritide.

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicazioni:

M. Osanna, L. Prandi, A. Siciliano, Eraclea ("Culti greci in Occidente" II), Taranto 2008.

L. D'Esposito, G. Galioto, Nuove ricerche sui culti di Eraclea: l'area sacra del c.d. Vallo, Siris IX 2008, pp. 35-57.

I. Battiloro, A. Bruscella, M. Osanna, Ninfe ad Heraklea Lucana? Il santuario extra-urbano di Masseria Petrulla nella Valle del Sinni (Policoro - MT), Kernos XXIII 2010, 239-270.

M. Osanna, G. Zuchtrigel (a cura di), AMPHI SIRIOS RHOAS. Nuove ricerce su Eraclea e la Siritide, Venosa 2012.

Zuchtriegel, G. 2012. Nella chora: un nuovo progetto di archeologia del paesaggio nel territorio di Eraclea, "SIRIS" 12, 141-156.